Cost Per Action (CPA): Definizione, Calcolo ed Esempi

Aggiornato il 23 Luglio 2021 alle 18:03 • Tempo di lettura: 2 minuti • Autore: Michele Sabatini

Cost per Action conosciuto anche con l’acronimo CPA è un modello di pagamento che viene messo in atto quando si parla di inserzioni pubblicitarie, quindi di annunci pubblicitari online. Il CPA prevede il costo all’inserzionista solo ed esclusivamente quando un utente, qualsiasi, svolge una determinata azione sull’inserzione.

Quindi se un utente clicca l’annuncio pubblicitario che una determinata azienda ha promosso online e effettua, ad esempio, un acquisto allora l’azienda sarà tenuta a pagare un importo prestabilito. Se invece l’utente esce dal sito, abbandona il carrello e non conclude l’acquisto l’azienda non sarà tenuta al pagamento di nessuna somma.

Come abbiamo anticipato il CPA è un metodo di pagamento che prevede che l’utente svolga una determinata azione precedentemente concordata tra le parti.

La “determinata azione” viene stabilita in precedenza e può essere diversa in base al tipo di accordo preso tra le parti, ad esempio il costo può essere addebitato quando un utente fa un acquisto tramite l’inserzione. Il Cost per Action è un modello di pagamento spesso utilizzato nel marketing online e si può impostare in maniera diversa in base al tipo di strategia marketing che si intende attuare. L’azione richiesta e che ci si aspetta dall’utente può variare dall’acquisto di un prodotto, all’iscrizione ad una newsletter, al download di un documento. Di fatti il termine in italiano viene tradotto “costo per azione”.

I vantaggi sono diversi per chi sceglie di aderire a questo metodo:

  • Il costo è precedentemente accordato.
  • L’inserzionista ha modo di limitare i suoi rischi.
  • Si può aumentare notevolmente la redditività.
  • Si può eseguire un’analisi più precisa sulla campagna marketing scelta e valutarne i profitti (qualora ve ne siano). Per farlo è necessario un tool di analisi tra i più comuni troviamo Google Analytics.

Ci sono anche degli svantaggi, come:

  • Ha un costo più alto rispetto ad altri modelli similari.

È un metodo di pagamento da valutare sulla base della strategia marketing che vogliamo attuare.


Michele Sabatini
info@michelesabatini.it
Mi occupo di SEO da anni ormai e sono sempre alla ricerca della novità. Il posizionamento sui motori di ricerca non è solo il mio lavoro, ma anche la mia passione. Ogni giorno ottimizzo e studio nuove strategie per raggiungere le migliori posizioni in SERP. Canale YouTubeFacebookLinkedIn


Articoli Correlati

CloudWays Recensione: funzionalità, costi e opinioni 2022

Questa è la guida perfetta per configurare al meglio CloudWays, tra i migliori servizi di hosting managed in cloud. CloudWays è un servizio di hosting in cloud gestito performante, sicuro e molto s…

Come Creare Un Sito Web: Guida Completa 2022

Stai cercando una guida su come creare un sito web di successo per la tua attività commerciale, il tuo negozio o vuoi creare un blog perché sei appassionato di qualcosa in particolare? Ti presento …

UTM: Cos’è, Significato e Cosa sono i Parametri UTM

I Parametri UTM, acronimo del nome Urchin Tracking Monitor sono dei precisi parametri che vengono aggiunti ad un URL così da poter inviare dei dati più precisi sul traffico in ingresso verso un por…

Come aggiornare PHP su WordPress (e non solo)

Anche tu negli ultimi mesi stai ricevendo il messaggio “Aggiornamento di PHP consigliato” nelle tue installazioni di WordPress? Ecco un video tutorial se non vuoi leggere tutto l’…

Come creare un Domain Name Expiry Checker in Python

Hai un’agenzia, sei un freelancer che gestisce molti portali o sei semplicemente un project addicted, quindi un creatore seriale di nuovi progetti? Allora questo articolo farà sicuramente al …

Informazioni